fbpx
m

Costanza Savini

 / Arte  / Octavia Monaco. La lingua degli angeli

Per la cabala ebraica l’artista è colui che è in contatto col mondo degli angeli, perché sa parlare la loro lingua, una lingua capace di intrecciare immagini e parole emergenti da profondità sconosciute e proprio per questo tanto più necessarie al nostro vivere quotidiano. Questa prerogativa degli artisti di farsi tramiti o canali tra la quotidianità e un altrove ineffabile, emerge soprattutto in tempi di incertezza come quelli attuali, poiché nell’oscurità della notte i sensi di molti di noi si stanno affinando sempre di più. Leggi l’intero articolo su Wall Street International.

 

Sono Costanza Savini S, mi occupo di Scrittura & Bioenergetica.

Eventi

20/08/2020 – Laboratorio per bambini – Bologna
14/11/2020 – Presentazione “L’occhio della farfalla” – Milano Bookcity